La piccola libreria di New York di Miranda Dickinson

                                                                                                                                                                                51cceydc5jlBuonasera amici! oggi vi parlerò di un libro che ho finito di leggere qualche giorno fa. Un romanzo che vale la pena di leggere perchè è ricco di colpi di scena e poi perchè l’autrice ci fa fare una piccola escursione nella Grande Mela. Si intitola La piccola libreria di New York di Miranda Dickinson.

Vediamo insieme di cosa parla la storia.

Trama

Quando il suo ragazzo la lascia per l’ennesima volta, Bea James, proprietaria di una libreria a Brooklyn, prende una decisione. Basta uomini, basta cuori infranti, basta dolore. Il suo lavoro le piace e i libri l’hanno sempre salvata, l’importante sarà riuscire a stare lontana dall’altro sesso. Jake Steinmann, uno psichiatra che viveva a San Francisco, è pronto a ricominciare, dopo la fine del suo matrimonio. D’ora in poi ci sarà un unico amore nella sua vita: New York. Bea e Jake si conoscono a una festa in cui sono gli unici single, e quando parlano si trovano d’accordo su una cosa: nessuno di loro due vuole avere alcun genere di relazione sentimentale. Ma la città ha altri piani per loro…

Durante la lettura

ho trovato alcuni passi che mi hanno attratta

Quella sera Bea era tutta sola nel suo accogliente appartamento nel quartiere di Boerum Hill a Brooklyn. A prima vista, c’erano ben poche differenze tra il suo luogo di lavoro e la sua casa, a parte qualche sedia in più, una cucina e una camera da letto; il resto dello spazio era dedicato completamente ai libri. Russ la prendeva in giro, le diceva che in realtà la sua era una specie di convivenza: <<è carino che i libri ti lascino dormire lì. Ti fanno un buon prezzo per l’affitto?>>

Questo stralcio mi ha fatta sorridere per il modo simpatico che ha avuto Russ di prenderla in giro e poi perchè del fatto che è impossibile non immedesimarsi in lei se hai una vera profonda p

assione per i libri e la lettura. La Dickinson con questa storia è riuscita a catturare il lettore e a trascinarlo dentro il libro inserendo svariati colpi di scena. Ad ogni capitolo succedeva sempre qualcosa. La storia è molto dolce, dinamica a volte anche seria.

Un altra parte che mi è piaciuta è stata questa:

La mia prozia Lavinia diceva sempre che la vita è come il nastro trasportatore dei bagagli, all’aeroporto: se non prendi la tua valigia la prima volta, continuerà a passare finchè non la afferrerai.

E’ come dire che il destino ci segue ovunque e se le cose devono accadere accadranno.

Complimenti all’autrice che ha saputo sedurre il lettore con questa magica e dolce storia. Consiglio la lettura a tutte quelle persone che vogliono o hanno un bisogno sempre di sognare.

Per stasera è tutto e vi rinnovo l’appuntamento al prossimo libro. Voi nel frattempo fate bei sogni!

Ciao ciao

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...