Lieve come la neve di Chiara Trabalza

9788868828271_0_0_300_80Ciao amici lettori, oggi vi parlo di un libro che ho letto per la casa editrice Lettere Animate. Il libro si intitola Lieve come la neve scritto dall’autrice Chiara Trabalza. È una storia che mi ha profondamente colpita sia per il modo che ha di raccontare l’autrice e sia perché i personaggi di questa vicenda drammatica, ma anche molto tenera, rimangono nel cuore per sempre.

Vediamo insieme di cosa parla il romanzo

Trama

Camilla è giovane e indipendente, ha un ottimo lavoro in una casa di moda, vive da sola in un delizioso appartamento ed è fidanzata con il suo capo che le regala viaggi e divertimenti. La sua vita perfetta, scandita da ritmi frenetici e serate mondane, viene sconvolta dalla notizia della morte di sua sorella con la quale non parla ormai da otto anni. Ma il destino ha in serbo per lei un altro imprevisto. Le viene data in affido una bambina, sua nipote Viola, di cui lei ignorava perfino l’esistenza. Viola si rifiuta di parlare, non comunica con il mondo esterno e trascorre le giornate da sola, chiusa nel suo silenzio. Camilla dovrà imparare a camminare in punta di piedi tra quei dolorosi silenzi, percorrendo la strada dei ricordi fino al giorno in cui sua sorella divenne per lei una nemica. Perché negli occhi verdi e malinconici di quella bambina si nasconde il segreto che ha diviso tanti anni prima le due sorelle, un segreto pesante come un macigno. Ma ci vuole coraggio per riaprire la porta del passato. E proprio quando Camilla penserà di non farcela scoprirà di non essere sola. Il suo misterioso e riservato vicino di casa le farà scoprire un nuovo modo di amare e tornerà a farle battere il cuore. Perché solo un amore profondo può rimarginare le cicatrici di un passato doloroso. Una storia emozionante e intensa, dolce e delicata come una favola…

 

Durante la lettura ho sottolineato alcune parti che mi hanno emozionata

In questo passaggio l’autrice descrive i luoghi in cui si trova la protagonista. La descrizione è molto dettagliata e dà l’impressione di esser proprio lì accanto a Camilla per ammirare le strade, Piazza Venezia e il tramonto sul Pincio.

D’inverno mi piaceva moltissimo passeggiare per quelle strade piene di luci calde e festose, amavo sentire l’odore della caldarroste vendute ad ogni angolo, vedere le vetrine di Via Condotti addobbate come vere e proprie opere d’arte, fermarmi ad ammirare il grande albero di Natale a Piazza Venezia. Mentre in estate quando le giornate allungavano e io uscivo dall’ufficio più tardi del solito, avevo spesso l’abitudine di salire sulla terrazza del Pincio per ammirare il tramonto.

 

Invece questo estratto che vi riporto qui, mi ha fatto emozionare perché l’ho trovato molto dolce. Le parole sono pura poesia

Mi sentivo come un fiore delicato e lui era l’acqua che mi serviva per crescere. Lui era diventato il mio sole, la mia luna, il mio mondo, l’intero mio universo. Era quell’angolo segreto dove potevo rifugiarmi al sicuro […]E l’amore che provavo dentro di me era così immenso che mi faceva male ma che allo stesso tempo era così profondo che mi rendeva felice.

 

Io vi consiglio la lettura di questo romanzo perché è una storia che tocca nel profondo e che fa accrescere dentro di voi la speranza per vivere pienamente le gioie della vita. Questa storia ci insegna a non dare nulla per scontato, ci insegna che la vita è importante e non va sprecato nessun momento perché noi in questa Terra siamo di passaggio.

E con questo è tutto! io vi rinnovo l’appuntamento al prossimo libro

Ciao ciao

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...